Cresce la ricerca sulle attivita' criminali
PERSONE |

Cresce la ricerca sulle attivita' criminali

GRAZIE A UNA MARIE SKLODOWSKA CURIE POSTDOCTORAL FELLOWSHIP, LAVINIA PIEMONTESE, NEI PROSSIMI DUE ANNI, LAVORERA' AL CLEAN, CRIME: LAW AND ECONOMIC ANALYSIS, DELLA BOCCONI

Lavinia Piemontese, dopo un dottorato a Barcellona e un periodo al dipartimento di Economia dell’ENS di Lione, ha ottenuto una Marie Skłodowska-Curie Postdoctoral Fellowship finanziata dall’Unione europea. Per i prossimi due anni accademici, quindi, lavorerà al CLEAN (Crime: Law and Economic Analysis), il gruppo di ricerca del Centro Baffi-CAREFIN che si occupa delle ricadute sull’economia delle attività criminose, in particolare quelle organizzate, sotto la direzione scientifica di Paolo Pinotti. È la stessa Piemontese a dire che “non c’è in Europa un centro più qualificato su questo argomento” e d’altra parte questa è una materia a cui le autorità europee sono particolarmente attente.
 
La ricercatrice si concentrerà sullo studio dei danni della criminalità organizzata in termini di minor crescita dell’economia, ad esempio sotto forma di assegnazione inefficiente degli appalti pubblici per via dell’inquinamento dei processi decisionali da parte di gruppi illegali.
 
Questo impatto può essere quantificato sulla base dei dati disponibili (denunce alle forze dell’ordine e altre evidenze) attraverso l’elaborazione di modelli econometrici piuttosto complessi che, collegando l’effetto “micro” all’aggregato dell’economia, isolino gli effetti delle influenze criminose e stimino quindi quanto si è perso in termini di PIL proprio a causa delle infiltrazioni della criminalità organizzata.
 
La messa a punto di questi modelli è però solo il primo tassello di ciò che Piemontese intende svolgere in Bocconi. I risultati della sua ricerca, dato il grande valore sociale che hanno, saranno anche divulgati attraverso articoli ed eventi pubblici alla realizzazione dei quali intende dedicarsi con molto entusiasmo.

di Andrea Costa
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • Come rendere piu' inclusive le tecnologie linguistiche

    Dirk Hovy suggerisce un modo piu' equo per far gestire i pronomi moderni ai sistemi di traduzione automatica e sostiene che le tecnologie devono adattarsi agli utenti, invece del contrario  

  • Come proteggere i diritti dell'utente di fronte a un algoritmo

    Il diritto a conoscere le motivazioni di una decisione presa da un'intelligenza artificiale e' difficile da applicare. L'Europa mira allora a rafforzare la posizione degli utenti attraverso obblighi procedurali a carico delle piattaforme, spiega Oreste Pollicino  

Seminari

  Giugno 2022  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      

Seminari

  • TBD

    ERIN LYN MCDONNELL

    Room 3b3sr01 - Roentgen 1

  • Seminar by Felix Liebrich

    FELIX LIEBRICH - Leibniz Universität Hannover

    Room 3-E4-SR03 (Rontgen) / Zoom