Lo scetticismo verso la scienza ha reso il lockdown meno efficace
PERSONE |

Lo scetticismo verso la scienza ha reso il lockdown meno efficace

VALENTIN KECHT, ORA STUDENTE DI DOTTORATO A BONN, HA PUBBLICATO SU NATURE HUMAN BEHAVIOUR UN ARTICOLO SCRITTO QUANDO ERA UNO STUDENTE DI BIENNIO E UN IGIER VISITING STUDENT ALLA BOCCONI

Valentin Kecht ha lavorato a “Science Skepticism Reduced Compliance with COVID-19 Shelter-in-Place Policies in the United States” (Nature Human Behaviour, pubblicato il 13 ottobre 2021) mentre era uno studente del MSc in Economics and Social Sciences della Bocconi e un Visiting Student all'IGIER, un centro di ricerca dell'Università.
 
Kecht aveva già affrontato il tema della valutazione dell'efficacia delle misure di lockdown durante le prime fasi della pandemia di COVID-19 con due studenti di dottorato e un compagno di MSc alla Bocconi e aveva pubblicato un paper sull'argomento nella serie COVID Economics del CEPR. In un momento in cui era difficile raccogliere dati, loro erano riusciti a utilizzare un database di localizzazione dei telefoni cellulari che ha permesso di osservare la mobilità a livello locale mentre vigeva il lockdown.
 
Il nuovo paper nasce dal contatto con Austin Wright, un assistant professor presso la Harris School of Public Policy and The College dell'Università di Chicago, che stava lavorando sul nesso tra povertà e risposta alla pandemia. “Durante una telefonata”, dice Valentin, “abbiamo capito di avere una metodologia simile e abbiamo deciso di esplorare il ruolo dello scetticismo nei confronti della scienza, facendo leva sul database dei cellulari”.
 
L'articolo pubblicato su Nature Human Behaviour fa uso delle convinzioni sul cambiamento climatico come misura dello scetticismo o della fiducia nella scienza e conclude che “la conformità alle ordinanze di stare a casa emessi dai governi locali e regionali negli Stati Uniti non è stata uniforme e può essere stata influenzata dallo scetticismo verso la scienza. Utilizzando misure quotidiane di distanza fisica derivate dai dati di localizzazione dei telefoni cellulari, dimostriamo che la proporzione di persone che sono rimaste a casa dopo l'entrata in vigore delle ordinanze nei mesi di marzo e aprile 2020 negli Stati Uniti è stata significativamente più bassa nelle contee con un'alta concentrazione di scettici”.
 
Kecht oggi è uno studente di PhD alla Bonn Graduate School of Economics, dove vuole perfezionare la sua conoscenza della microeconomia e dell'economia comportamentale. Può fare tesoro di una serie di posizioni nel campo della ricerca, che ha ricoperto fin dal 2015, quando era uno studente di triennio, e che includono Deutsche Bundesbank, Bocconi, Universitat Pompeu Fabra, Ludwig-Maximilians Universitaet Muenchen, Ifo Institute, e RWI - Leibniz Institute for Economic Research. È stato anche un Blue Book Trainee alla Commissione Europea.
 
“Ho capito presto che la ricerca era ciò che mi interessava e ho iniziato a fare domanda per posizioni di questo tipo fin dal mio secondo anno da studente di bachelor”, dice Kecht.
 
La costanza e le relazioni formatesi durante le sue esperienze di ricerca hanno dato i loro frutti. Kecht ha conosciuto David Van Dijcke, uno dei dottorandi suoi coautori, quando entrambi erano stagisti alla Banca centrale tedesca. Inoltre, l'esperienza come IGIER Visiting Student gli è valsa una lettera di referenze di Nicola Gennaioli (direttore dell'IGIER e studioso di finanza comportamentale) a supporto della sua domanda di dottorato.

di Fabio Todesco
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • Le novita' del regolamento HTA a livello europeo

    L'Health Technology Assessment diventa centralizzato ed armonizzato in tutti i 27 paesi membri dell'Unione europea  

  • Utopia e utopie tra scienza, filosofia e letteratura

    La sesta edizione di ScienzaNuova affronta le varie interpretazioni di un tema sempre attuale  

Seminari

  Agosto 2022  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

Seminari

  • ELLIS@Milan Artificial Intelligence workshop

    GABOR LUGOSI - Department of Economics, Pompeu Fabra University
    RICARDO BAEZA-YATES - Khoury College of Computer Sciences Northeastern University
    NOAM NISAN - School of Computer Science and Engineering, Hebrew University of Jerusalem
    MICHAL VALKO - Institut national de recherche en sciences et technologies du numérique

    AS02 DEUTSCHE BANK - Roentgen building

  • tbd

    ANDREW KING - Questrom School of Business

    Meeting room 4E4SR03 (Roentgen) 4