L'informativa finanziaria e' piu' affidabile se l'azienda porta il nome del suo fondatore
MANAGEMENT | ACCOUNTING |

L'informativa finanziaria e' piu' affidabile se l'azienda porta il nome del suo fondatore

UNO STUDIO SU 2.121 GRANDI AZIENDE ITALIANE NON QUOTATE METTE IN EVIDENZA CHE LA QUALITA' DEI DOCUMENTI CONTABILI DELLE AZIENDE EPONIME E' PIU' ELEVATA. TANTO PIU' SE IL NOME E' POCO DIFFUSO O L'AZIENDA HA UN'ALTA VISIBILITA' SULLA STAMPA

Secondo uno studio recentemente pubblicato su Management Science, ci si può aspettare un’informativa finanziaria di migliore qualità dalle aziende non quotate che portano il nome dei loro fondatori (aziende eponime) rispetto alle altre. Dato il legame tra il nome dell'individuo e quello dell'azienda, è molto probabile che i proprietari/manager delle aziende eponime risentano maggiormente, sia a livello finanziario che non, dalla reputazione dell'azienda”, affermano i professori Alessandro Minichilli (Dipartimento di Management e Tecnologia) e Annalisa Prencipe (Dipartimento di Accounting) della Bocconi. “Per costruire e sostenere la reputazione delle aziende, è più probabile che le aziende eponime enfatizzino l’accountability, la credibilità e la fiducia nella loro cultura aziendale, il che porta a report più affidabili, una maggiore cooperazione con i revisori e una migliore qualità dell’informativa finanziaria”.
 
Il team di ricerca, che comprende anche Suresh Radhakrishnan (University of Texas at Dallas) e Gianfranco Siciliano (China Europe International Business School), ha osservato che l'associazione positiva tra eponimia e qualità dell’informativa finanziaria è più forte nelle aziende il cui nome comprende cognomi poco diffusi e in quelle che ricevono più attenzione dalla stampa.
 
Infografica di Weiwei Chen

Il contesto italiano è ideale per esaminare la rarità dei cognomi, in quanto, con 0,35 milioni di cognomi, l'Italia ha la più grande varietà al mondo. Inoltre, le imprese non quotate italiane a responsabilità limitata (SPA e SRL) hanno bilanci sottoposti a revisione contabile per ridurre la possibilità che un'impresa si impegni in affari in cui i proprietari/amministratori possano approfittare della responsabilità limitata e frodare gli azionisti esterni. Questo dovrebbe incentivare le imprese non quotate a predisporre un’informativa finanziaria di buona qualità, in modo da salvaguardare patrimonio e reputazione.
 
Le aziende eponime hanno maggiori preoccupazioni reputazionali a causa della facilità nell'identificare i proprietari/manager con l'azienda. Pertanto, quelle con cognomi rari o più esposte alla stampa hanno costi di reputazione più elevati.
 
È ancora più interessante notare che l'associazione positiva tra la qualità dell’informativa finanziaria e l'eponimia non dipenda dal fatto che i top manager/membri del consiglio di amministrazione appartengano alla prima o alle successive generazioni della famiglia fondatrice.
 
I risultati indicano che le preoccupazioni di reputazione agiscono come un meccanismo disciplinante per la qualità dell’informativa finanziaria nelle aziende private.
 
Alessandro Minichilli, Annalisa Prencipe, Suresh Radhakrishnan, Gianfranco Siciliano, “What’s in a Name? Eponymous Private Firms and Financial reporting Quality.”, Management Science, Ahead of Print. DOI: https://doi.org/10.1287/mnsc.2021.3974.

di Jenny Mao
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • Grazie all'economia circolare, tra quattro anni i bus elettrici converranno anche economicamente

    Uno studio del GREEN Bocconi con la collaborazione di ENEL Foundation rivisita i calcoli di convenienza, tenendo conto dei ricavi possibili grazie al collegamento delle batterie alla rete elettrica e alla loro seconda vita  

  • Due decenni di storia della Banca Centrale Europea

    Simone Boldrini, Visiting Student dell'IGIER, racconta di un seminario di Massimo Rostagno (BCE), coautore di Monetary Policy in Times of Crisis  

Seminari

  Novembre 2021  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          

Seminari

  • Non-Stationary Search and Assortative Matching: TU and NTU
    Applied Microeconomics

    Nicolas Bonneton (University of Mannheim)

    Room AS02, Via Roentgen 1 (floor -2)

  • Gender Equality
    Hybrid Event

    Welcome Addresses: Catherine De Vries, Bocconi University - Joanna Carss, UniCredit Foundation; Introduction: Paola Profeta, Bocconi University; Keynote Lecture: Nava Ashraf, London School of Economics and Political Sciences; Winners of the 2021 Best Pepar award in "Gender Economics" UniCredit Foundation: Giannantonio De Roni, UniCredit-Alexia Delfino, Bocconi University-Francesca Truffa, Northwestern University; Discussion: Massimo Anelli, Bocconi University-Francesco D'Amuri, Bank of Italy   In collaboration with UniCredit Foundation   per informazioni: franca.assirelli@unibocconi.it  

    Aula Magna-Via Gobbi 5