La ripresa della mobilita' geografica favorira' il trasferimento della conoscenza
MANAGEMENT |

La ripresa della mobilita' geografica favorira' il trasferimento della conoscenza

UNA RICERCA DI GIANMARIO VERONA MOSTRA CHE SPOSTARE PERSONE ESPERTE TRA DIVERSE UNITA' ORGANIZZATIVE PUO' SEMBRARE COSTOSO, MA E' UN MODO EFFICACE PER PROMUOVERE L'APPRENDIMENTO ORGANIZZATIVO, DIFFONDERE LE PRATICHE MIGLIORI E RISPARMIARE MILIARDI DI DOLLARI

Tra le vittime del declino della mobilità geografica legato al COVID, c'è l’efficace trasferimento della conoscenza, che avrebbe potuto far risparmiare miliardi di dollari alle aziende di tutto il mondo. Secondo una ricerca di Gianmario Verona (professore di Management e rettore dell'Università Bocconi), la conoscenza si muove tra unità organizzative con i piedi delle persone che la possiedono. Tale trasferimento di conoscenza, inoltre, è particolarmente rilevante quando un'unità sta introducendo nuove tecnologie e può sfruttare le competenze delle persone che le hanno sperimentate in precedenti incarichi.
 

 
Verona e i co-autori Christian Stadler (Warwick Business School) e Constance Helfat (Tuck School of Business) hanno analizzato gli effetti economici del trasferimento di ingegneri con esperienza in tecnologie innovative tra le diverse unità geografiche di una delle più grandi compagnie petrolifere del mondo. L'azienda è leader nello sviluppo interno e nell'applicazione di tecnologie innovative e sposta frequentemente gli ingegneri da un paese all'altro.
 
Gli autori hanno individuato 11 tecnologie innovative utilizzate in tutta la compagnia. Le unità nazionali utilizzano in media 1,50 tecnologie nel periodo in cui un ingegnere è distaccato presso di esse, e i singoli ingegneri hanno esperienza, in media, di 3,52 tecnologie.
 
Gli studiosi hanno raccolto dati su 7.000 progetti di trivellazione e 30.000 incarichi di lavoro di singoli ingegneri e hanno dimostrato che l'esperienza di un ingegnere con una tecnologia innovativa in più è associata a una diminuzione dei costi del 4,2%, ovvero 12,2 milioni di dollari in media per ingegnere durante ogni incarico.
 
“Dato che nel nostro campione ogni ingegnere ha una media di cinque incarichi in nove anni, il risparmio totale di costi per ingegnere dovuto all'esperienza di tecnologie innovative aggiuntive è sostanziale”, dice Verona.
 
Lo studio indica che le unità nazionali sono meno propense all'innovazione di quanto ci si aspetti. Stentano spesso a credere che le tecnologie innovative più costose possano migliorare le prestazioni e sono riluttanti a introdurre un ulteriore elemento di rischio in operazioni già caratterizzate dall'incertezza. Poiché la decisione di quali tecnologie utilizzare viene raggiunta per consenso tra gli ingegneri che lavorano in un campo petrolifero, la conoscenza tacita dei singoli ingegneri che hanno avuto precedenti esperienze con la tecnologia e la loro iniziativa personale sono fondamentali.
 
“Spostare persone con esperienza può sembrare costoso”, conclude Verona, “ma la nostra ricerca suggerisce che gli individui che portano nuove competenze alle loro unità organizzative attraverso la mobilità intra-aziendale possono essere veicoli importanti per l'apprendimento organizzativo, aiutando a diffondere le pratiche migliori meglio di quanto possano fare la collaborazione a distanza o altre soluzioni”.
 
Christian Stadler, Constance E. Helfat, Gianmario Verona. “Transferring Knowledge by Transferring Individuals: Innovative Technology Use and Organizational Performance in Multiunit Firms,” in Organization Science, Articles in Advance, DOI: https://doi.org/10.1287/orsc.2021.1446.

di Fabio Todesco
Bocconi Knowledge newsletter

News

  • Grazie all'economia circolare, tra quattro anni i bus elettrici converranno anche economicamente

    Uno studio del GREEN Bocconi con la collaborazione di ENEL Foundation rivisita i calcoli di convenienza, tenendo conto dei ricavi possibili grazie al collegamento delle batterie alla rete elettrica e alla loro seconda vita  

  • Due decenni di storia della Banca Centrale Europea

    Simone Boldrini, Visiting Student dell'IGIER, racconta di un seminario di Massimo Rostagno (BCE), coautore di Monetary Policy in Times of Crisis  

Seminari

  Novembre 2021  
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          

Seminari

  • Non-Stationary Search and Assortative Matching: TU and NTU
    Applied Microeconomics

    Nicolas Bonneton (University of Mannheim)

    Room AS02, Via Roentgen 1 (floor -2)

  • Gender Equality
    Hybrid Event

    Welcome Addresses: Catherine De Vries, Bocconi University - Joanna Carss, UniCredit Foundation; Introduction: Paola Profeta, Bocconi University; Keynote Lecture: Nava Ashraf, London School of Economics and Political Sciences; Winners of the 2021 Best Pepar award in "Gender Economics" UniCredit Foundation: Giannantonio De Roni, UniCredit-Alexia Delfino, Bocconi University-Francesca Truffa, Northwestern University; Discussion: Massimo Anelli, Bocconi University-Francesco D'Amuri, Bank of Italy   In collaboration with UniCredit Foundation   per informazioni: franca.assirelli@unibocconi.it  

    Aula Magna-Via Gobbi 5